sabato 1 novembre 2014

Ventimiglia come metafora della vita (a volte)

Qualche volta la vita ti sorprende, e finisce per essere diversa da come te l'aspettavi.
A volte, purtroppo, in senso negativo.
Ma qualche volta, ogni tanto, anche in senso positivo.
Dopo un'estate che non è stata estate, è arrivato un autunno che non è ancora autunno - un po' come il sole ed il tepore fossero arrivati di corsa, trafelati, scusandosi per il ritardo.
E a volte ti succede che, anche se di solito non è la "tua" meta, quella in cui di solito preferisci andare, ti venga voglia di mare. Sì, proprio in questo strano autunno con il sole ridente da 28° C.
Poi, ti succede anche che il tuo anelato weekend al mare, per una serie di contrattempi e coincidenze, finisci per prenotarlo a Ventimiglia...

"Squallida, è proprio un po' squallida" dice mio cugino che ha la casa a Mentone.
"Bruttina", aggiungono altri.
Pazienza, mi dico, ricordandomi di averla scelta perché a metà strada fra la Costa Azzurra ed i posti dove andavo al mare da piccola.
Non parto con grande entusiasmo, lo confesso. O meglio, non con l'entusiasmo dato dalle grandi aspettative. Poi, l'entusiasmo di partire io ce l'ho sempre.
Partire è sempre uno stacco, una rigenerazione.
E' come aprire una finestra per cambiare l'aria. Poi, a volte, anziché la finestra si apre una porta e si decide di prenderla, di uscire fuori. Ma anche quando è solo una finestra ti fa respirare diversamente, ti fa vedere cose nuove. E, quando la chiudi, sei diventata un pochino più ricca, più consapevole, o semplicemente diversa da com'eri prima.
Quindi, ho imparato che l'importante, comunque, è partire. Mettendo sempre in valigia un po' di curiosità per quello che si troverà a destinazione.

A destinazione ho trovato il sole.
Ho trovato il caldo, l'acqua azzurra, la gente che girava con le maniche corte ed i sandali.
E' stata come una festa a sorpresa organizzata dall'estate.

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

Ho trovato le spiagge di sassi, con la risacca del mare che faceva solletico alle pietre facendole ridere, che le spruzzava rendendo i loro colori più intensi, più brillanti.
Ho trovato cani che correvano felici sul bagnasciuga, saltando e schizzando nell'acqua come dei bambini nelle pozzanghere, abbaiando contro i gabbiani sonnolenti in crocchio su un vecchio tronco abbandonato.

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

Ho trovato vecchie barche di legno dai colori ancora accesi, un po' scrostate e cariche di reti e di nasse, parcheggiate sulla spiaggia come un capannello di operai che hanno appena finito il turno.

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

Ho trovato case dai colori pastello arroccate sulla collina - come ogni borgo ligure che si rispetti. Casette con le persiane che fanno da occhi, dalle palpebre socchiuse e colorate.
Con la facciata adornata di boungavillea, e qualche monile casuale, creato con biciclette e scooter parcheggiati di fronte.
Con qualche ruga data dal tempo, e qualche cicatrice causata dall'incuria, che però viene mascherata dall'ombra dei lampioni che si riflette contro.

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

Ma, soprattutto, ho trovato il mare.
Ho aspettato il tramonto seduta sugli scogli, guardando il riflesso abbacinante del sole che si scheggiava sull'acqua, respirando l'odore del sale, con le onde che s'infrangevano ai miei piedi, in un'esplosione di perle di schiuma.
Che potere ha il mare per avere un richiamo così forte verso chiunque, per riuscire a farti sentire così in pace e, contemporaneamente, così viva? Come riesce a creare questa magia, così semplice, eppure così arcaica?

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

Questa risposta non l'ho ancora trovata.
Però ho capito una cosa: che davvero la bellezza si può trovare anche dove non esiste oggettivamente.
E che la vita, per riuscire a sorprenderti, a volte ha bisogno di essere vista con lo sguardo giusto...

Ventimiglia - Souvenirs of a Black Cat

8 commenti:

  1. Come si dice? Il bello è negli occhi di chi guarda! Secondo me ogni luogo ha qualcosa da raccontare e preferisco farmi un'idea mia, senza escludere a priori una meta solo perché gli altri non ne parlano in maniera lusinghiera. E poi, diciamocelo: il mare, è sempre splendido! [Turista di Mestiere]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno Monica!
      Tanto poi dipende dalla disposizione d'animo del momento e dalle circostanze: io avevo voglia di mare in quel momento... e poi con una giornata così inaspettatamente stupenda non si poteva non trovare bellissima anche la cornice!
      E, come dici, il mare è sempre il mare, in ogni caso...

      Elimina
  2. Mi piace il tuo blog! E la tua pagina facebook super gattara, poi! :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. E che la vita, per riuscire a sorprenderti, a volte ha bisogno di essere vista con lo sguardo giusto..

    Bellissima questa frase. Sono d'accordo con Monica; tutto ciò che osserviamo lo giudichiamo in base al nostro umore del momento, al periodo che viviamo e al nostro modo di voler guardare le cose!

    Molto carino questo spazio ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo! Le stesse cose, gli stessi posti, vissuti in momenti diversi possono coinvolgerci in maniera diversa. E' per questo che mi piace dire che la felicità, spesso, è sostanzialmente una scelta....
      Grazie!!!

      Elimina
  4. Assolutamente vero, se si ha voglia di trovare qualcosa di bello, lo si trova! Un angolo, uno scorcio, un dettaglio, una sensazione... A volte le cose "ufficialmente belle" mi annoiano, invece in luoghi poco considerati ho sempre trovato qualcosa di curioso, piacevole, interessante.

    Da piccola andavo al mare a Levanto ma la parola "Ventimiglia" eccheggia sempre piacevolmente nelle mie orecchie, con la voce che annunciava i treni in stazione. Era uno dei nomi che preferivo sentir pronunciare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo. Io penso che il fatto di vedere la bellezza delle cose dipenda moltissimo dal momento e dalla situazione in cui le guardiamo: ci sono momenti "perfetti" che non riescono a non far sembrare bellissimo tutto quello che c'è d'intorno.
      E concordo con te anche sul fatto che a volte i posti meno celebri e più "di nicchia" spesso nascondano una bellezza inaspettata: un po' come accade con le persone - certe persone bellissime fuori che poi però non hanno personalità, non hanno anima, alla fine risultano scialbe, mentre una bella anima riesce a far sembrare meraviglioso anche un corpo non perfetto.
      "Ventimiglia" come capolinea dei treni risuona anche nella mia memoria! Io andavo ad Arma di Taggia (vicino Sanremo), quindi ho un ricordo un po' "mitologico" ;)

      Elimina